Fikri Tallih (it)

fikri_ritratto

Fikri Tallih è un artista francese di origine “Amazigth” e Presidente di Cirqu’en LIberté. Inizia prestissimo il suo percorso artistico attraverso il teatro (Theatre du soleil, Theatre du fil), per proseguire attraverso la danza e la scultura sino ad arrivare al circo ingaggiato come attore principale dal Cirque du Soleil – Las Vegas.

L’impegno sociale è un’attitudine lontana che scopre sin dall’infanzia, vissuta tra una complessa banlieue parigina e un paese difficile come il Marocco. Attitudine e sensibilità che con il tempo e l’esperienza sul campo si strutturano in una professionalità che Fikri metterà a frutto anche nel progetto sociale denominato “Cirque du Monde” ideato e promosso dal Cirque du Soleil. In qualità di formatore lavora in diversi paesi (Stati Uniti e America Latina). Nel 2005 conduce per il “Cirque du Soleil” uno stage a Boulogne-Billancourt (Parigi) di sensibilizzazione alle arti circensi.

Gli ambiti sociali di suo interesse e nei quali viene richiesta la sua professionalità non sono solo quelli dell’emarginazione sociale e dell’interculturalità, ma anche l’ambito del disagio psicofisico.
Sostiene e promuove la mission statutaria di una delle organizzazioni più innovative e prestigiose di Milano, La Stravaganza ONLUS, fondata dal dott. Denis Gaita: lottare contro lo stigma del “diverso”, sostenere il concetto che “il Matto” è una “Persona“ e che quindi è possibile ed imperativo far emergere e valorizzare le sue risorse. Collabora intensamente per questa associazione in qualità di esperto di attività espressiva/corporea.

Nel 2004/2005 è ideatore e direttore artistico della scuola di circo di Bucarest, scuola che si inscrive all’interno di un progetto pedagogico-artistico denominato “Circus Agorà”, indirizzato a bambini e giovani a rischio di emarginazione.
Per la Fondazione Parada che si occupa del recupero dei bambini di strada di Bucarest realizza degli interventi educativi/artistici.

Ad ottobre del 2005 viene invitato a Milano a condurre uno stage di sensibilizzazione alle arti di strada.
A novembre 2005 partecipa alla terza edizione della rassegna “Ma sei fuori?”, organizzata dal Teatro Litta, con il contributo del Comune di Milano, settore Sport e Giovani e Stravaganza, rassegna di teatro sociale di compagnie formate da attori professionisti e disabili psico-fisici. Realizza e conduce la street parade che aprirà la rassegna stessa. Collabora con l’Istituto di padre Beccaro, istituzione che si occupa di minori stranieri a rischio di emarginazione sociale.
Sempre nel 2005 partecipa al convegno di arteterapia dal titolo “Scenari dell’anima”, proponendo un laboratorio dal titolo :“ l’Educ-actore: ascoltare con gli occhi e guardare con le orecchie, è una cosa da imparare”.
La “Comunità Oklahoma” di Milano, struttura d’accoglienza che si occupa di giovani stranieri, richiede la sua collaborazione in qualità di esperto di educativa e arte all’interno del “ Progetto integrazione”, promosso dalla stessa struttura. Realizza con la collaborazione dei ragazzi della Comunità Oklahoma uno spettacolo chiamato “ Cuori Migratori”.
Da Gennaio 2007 crea in collaborazione con la Onlus “Risvegli” il Centro “Baz-Art”- Per l’arte Diversa- Mente”, con sede a Milano in via Ventura (zona Lambrate) dove In qualità di Direttore Artistico del centro promuove diverse iniziative artistiche sociali e culturali.

Nello stesso ambito dal 2007 a oggi progetta e realizza sia all’interno della RSD “Beato Papa Giovanni XXIII ” di Limbiate (Milano), sia per la Fondazione Aiutiamoli – Centro Diurno per la Salute Mentale denominato la “Città del Sole “ in Corso di Porta Romana – Milano laboratori di teatroterapia gestiti in collaborazione con le équipes socio-educative. Il progetto viene esteso anche alla residenza per anziani Sandro Pertini di Garbagnate Milanese (Milano).

Con l’Università Cattolica di Milano (IES- Institute For The International Education of Students organizza workshop formativi sui linguaggi espressivi.
Ha realizzato in collaborazione con un antropologo musicale (Dott. Leonardo Menegola) un laboratorio artistico ed esperienziale per le scuole dell’obbligo, denominato ” Il Mito, il Viaggio, La Memoria”, pensato per la multiculturalità e per l’educazione pratica alle arti espressive. Obiettivo principale del laboratorio e’ il lavoro sull’integrazione e la lotta contro la violenza.

Nel 2009 inizia la collaborazione con l’Associazione “Psychologists for Human Rights “ che si occupa di interventi sul trauma nei territori colpiti dalla guerra. Dall’estate 2009 l’Associazione sopra citata gli affida l’organizzazione e la conduzione delle attività espressive rivolte ai bambini e agli adolescenti che vivono nei campi profughi della citta di Tulkarem – West Bank – Palestina.

Nel 2010 per la Fondazione Stella Maris Onlus, realizza e conduce un progetto espressivo sia per i bambini assistiti presso un centro di accoglienza delle suore marcelline, sia interventi di animazione per un’orfanotrofio a Saranda (Albania). Si occupa altresì della formazione dei volontari che collaborano nel progetto albanese. Esperienza che si ripete nel 2011.

Nel 2011 inizia una collaborazione con la Fondazione Aliante di Milano che si occupa di minori stranieri e non, segnalati sia dai servizi sociali e psicosociali, sia dal tribunale dei minori, per la quale conduce un laboratorio in cui mescola diversi linguaggi espressivi: dal teatro alle arti circensi.
All’interno dell’istituto professionale A. Greppi di Quarto Oggiaro (Mi) dal marzo 2011 con l’Associazione Familiare “con Voi” O.N.L.U.S. si occupa di un corso di espressività corporea per gli studenti che frequentano la scuola.

Dal 2011 ad oggi in qualità di formatore e conduttore, conduce laboratori espressivi indirizzati ad adolescenti e giovani, stranieri e non, che vivono in quartieri milanesi a rischio di emarginazione sociale in collaborazione con l’Associazione GRT (Gruppo Relazioni Transculturali) e Parada Italia all’interno di un progetto denominato “Incontrati Quasi Per Caso“. Dal settembre 2012 è partner sempre con GRT del progetto in corso rivolto ai bambini Rom presso il Nocetum e presso il loro campo; attiva inoltre laboratori espressivi in scuole di vario grado (Scuola primaria via Bodio, IIS Caterina da Siena Milano… ). Con i ragazzi della Fondazione l’Aliante nel maggio 2013 promuove lo spettacolo “Mondi in Equilibrio”, prodotto dalla Fondazione stessa, presso le Officine Creative Alsaldo, attraverso il quale riesce a mettere in relazione diverse realtà sociali presenti e attive sul territorio milanese. Questo spettacolo sarà la prima sperimentazione di un più ampio progetto di rete promosso dall’Associazione Cirqu’en Liberté che si estende all’ambito internazionale, attualmente in via di costruzione e le cui attività sono programmate per l’anno 2014-2015.

Nell’estate 2013 viene incaricato sempre da GRT e dalla cooperativa Codici per condurre un laboratorio espressivo all’interno del Carcere Minorile Beccaria (Milano).

Share